Home Diritto Civile Danno alla persona Il danno esistenziale non è sottocategoria del danno non patrimoniale

Il danno esistenziale non è sottocategoria del danno non patrimoniale

421
0
stop mobbing

Le Sezioni Unite, con la Sentenza 11 novembre 2008, n. 26972, risolvendo il conflitto giurisprudenziale in tema di danno esistenziale, affermano che al danno esistenziale non può essere riconosciuta dignità di autonoma sottocategoria del danno non patrimoniale.

Il pregiudizio della vita di relazione, anche nell’aspetto concernente i rapporti sessuali, allorché dipenda da una lesione dell’integrità psicofisica della persona, costituisce uno dei possibili riflessi negativi della lesione dell’integrità fisica del quale il giudice deve tenere conto nella liquidazione del danno biologico, e non può essere fatta valere come distinto titolo di danno, e segnatamente a titolo di danno “esistenziale”.

Al danno biologico va, infatti, riconosciuta portata tendenzialmente omnicomprensiva confermata dalla definizione normativa adottata dal d. lgs. n. 209/2005, recante il Codice delle assicurazioni private (“per danno biologico si intende la lesione temporanea o permanente dell’integrità psico-fisica della persona, suscettibile di valutazione medico-legale, che esplica un’incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla sua capacità di produrre reddito”), suscettibile di essere adottata in via generale, anche in campi diversi da quelli propri delle sedes materiae in cui è stata dettata, avendo il legislatore recepito sul punto i risultati, ormai generalmente acquisiti e condivisi, di una lunga elaborazione dottrinale e giurisprudenziale. In esso sono quindi ricompresi i pregiudizi attinenti agli “aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here