Home Diritto di famiglia Separazione Se un genitore concede un immobile in comodato per l’abitazione della costituenda...

Se un genitore concede un immobile in comodato per l’abitazione della costituenda famiglia non è obbligato al rimborso delle spese

389
0
matrimonio_religioso

La Corte di Cassazione, con la Sentenza del 10/11/2011 depositata oggi 27/01/2012, n. 1216, stabilisce che il comodatario il quale, al fine di utilizzare la casa, debba affrontare spese di manutenzione anche straordinarie, può liberamente scegliere se provvedervi o meno, ma, se decide di affrontarle, lo fa nel suo esclusivo interesse e non può, conseguentemente, pretendere il rimborso dal comodante.

Nel caso concreto, un genero conveniva in giudizio gli ex suoceri per sentirli condannare al pagamento del 50% delle spese che egli, insieme con l’ex moglie, aveva sostenuto per l’esecuzione di opere edilizie necessarie a rendere abitabile un immobile di proprietà degli ex suoceri, nel quale egli era andato a vivere con la famiglia.

La Suprema Corte argomenta nel senso che l’assegnazione della casa coniugale ad un coniuge, in seguito alla separazione, non fa venir meno, in analogia a quanto dispone l’art. 6 legge 27 luglio 1978 n. 392, il contratto di comodato, di guisa che permane l’applicazione della relativa disciplina. Pertanto, – concludono i Giudici – se un genitore concede un immobile in comodato per l’abitazione della costituenda famiglia non è obbligato al rimborso delle spese, non necessarie né urgenti, sostenute da un coniuge durante la convivenza familiare per la migliore sistemazione dell’abitazione coniugale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here