Home Diritto Civile Impresa e società Dichiarata l’illegittimità dell’art. 13, 2 comma, del D. Lgs. n. 5/2003

Dichiarata l’illegittimità dell’art. 13, 2 comma, del D. Lgs. n. 5/2003

263
0

La Corte Costituzionale, con la sentenza del 12 ottobre 2007  n. 340,  ha dichiarato l’illegittimità costituzionale, per eccesso di delega, dell’art. 13, 2 comma, del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5 (Definizione dei procedimenti in materia di diritto societario e di intermediazione finanziaria, nonché in materia bancaria e creditizia, in attuazione dell’articolo 12 della legge 3 ottobre 2001, n. 366), nella parte in cui stabilisce: «in quest’ultimo caso i fatti affermati dall’attore, anche quando il convenuto abbia tardivamente notificato la comparsa di costituzione, si intendono non contestati e il tribunale decide sulla domanda in base alla concludenza di questa».

In particolare, è stato osservato come la disposizione censurata del decreto delegato, stabilendo che, se il convenuto non notifica la comparsa di risposta o lo fa tardivamente, i fatti affermati dall’attore si reputano non contestati, «detta una regola del processo contumaciale in contrasto con la tradizione del diritto processuale italiano, nel quale alla mancata o tardiva costituzione mai è stato attribuito il valore di confessione implicita».
Emiliana Matrone

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here