Home Diritto Civile Diritto processuale civile Il pignoramento presso terzi dal 1° gennaio 2013

Il pignoramento presso terzi dal 1° gennaio 2013

318
0

La legge di stabilità 2013 ha apportato significative modifiche al codice di procedura civile nella parte relativa ai
pignoramenti presso terzi.

Secondo la riformulazione dell’art. 548 cpc:
Se il pignoramento riguarda i crediti di cui all’articolo 545, terzo e quarto comma, quando il terzo non compare all’udienza stabilita, il credito
pignorato, nei termini indicati dal creditore, si considera non contestato ai fini del procedimento in corso e dell’esecuzione fondata sul provvedimento di assegnazione, e il giudice provvede a norma degli articoli 552 o 553.
Fuori dei casi di cui al primo comma, quando all’udienza il creditore dichiara di non aver ricevuto la dichiarazione, il giudice, con ordinanza, fissa un’udienza successiva. L’ordinanza è notificata al terzo almeno dieci giorni prima della nuova udienza. Se questi non compare alla nuova udienza, il
credito pignorato o il possesso del bene di appartenenza del debitore, nei termini indicati dal creditore, si considera non contestato a norma del primo comma.
Il terzo può impugnare nelle forme e nei termini di cui all’articolo 617, primo comma, l’ordinanza di assegnazione di crediti adottata a norma del presente articolo, se prova di non averne avuto tempestiva conoscenza per irregolarità della notificazione o per caso fortuito o forza maggiore.
Ancora, secondo il nuovo art. 549 cpc:
Se sulla dichiarazione sorgono contestazioni, il giudice dell’esecuzione le risolve, compiuti i necessari accertamenti, con ordinanza. L’ordinanza
produce effetti ai fini del procedimento in corso e dell’esecuzione fondata sul provvedimento di assegnazione ed è impugnabile nelle forme e nei termini di cui all’articolo 617.
Le riferite novità si applicano a tutti i pignoramenti presso terzi promossi dal 1° gennaio 2013.
Emiliana Matrone

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here